Cultura, Periferie e Quartieri

La biblioteca fatta in casa

Le biblioteche di condominio: antenne sul territorio, luoghi di educazione alla legalità, presidi di socialità, motori per l’inclusione e l’aggregazione

Abbiamo dedicato l’ultima Commissione Periferie congiunta con Cultura alle biblioteche di condominio, un’esperienza tutta milanese, che non ha eguali né a livello nazionale né internazionale. E ne andiamo fieri!

Le biblioteche di condominio e di prossimità fanno parte del sistema bibliotecario milanese e si sviluppano come attenzione a realtà culturali locali per valorizzare e incentivare la passione dei cittadini alla lettura, all’aggiornamento e allo studio in generale. La cosa interessante è che questa attenzione squisitamente culturale nasce, si sviluppa e cresce nel contesto abitativo delle case popolari, che diventano così luoghi di incontro e di relazione aperti al quartiere, dunque presidi di relazione e di socialità.

Le prime biblioteche di condominio aprono in città nel 2013, in via Rembrandt 12 e in via Solari 40, dove cittadini “inquieti” intravedono la possibilità di utilizzare spazi inutilizzati della portineria per avviare una nuova missione di aggregazione sociale. Subito, ricevono l’attenzione e il sostegno del sistema bibliotecario del Comune, che valorizza questo attivismo della base e vi coglie l’occasione per avviare un nuovo dialogo con la città, anche in linea col percorso che ha portato a riconoscere Milano come Città Creativa UNESCO per letteratura – Milan Creative City for Literature, nell’ottobre 2017.

Ad oggi sono ben 17 le biblioteche condominiali, ciascuna con una sua storia e una sua identità, ma anche con tratti in comune: 

  • si trovano prevalentemente in quartieri periferici, in caseggiati popolari;
  • sono luoghi di incontro e di relazione aperti al quartiere;
  • costituiscono un importante volano per la promozione della lettura;
  • rappresentano un luogo di assortimento e deposito per i volumi.

Sempre svolgono funzioni sussidiarie a quelle effettuate dall’Amministrazione, giacché lavorano in alleanza con le biblioteche rionali e fungono da antenne sul territorio: antenne capaci sia di ricevere, ovvero di ascoltare i bisogni dei cittadini, sia di trasmettere, ovvero di rilanciare il contatto.

Rientra nella loro vocazione essere luoghi di educazione alla legalità, presidi di socialità e trasmissione dei valori che fanno crescere la cittadinanza, hanno infatti sempre un carattere inclusivo, aggregativo e sociale.

Ciascuna di esse ha una sua indipendenza e autonomia nella gestione del servizio, ma tutte fanno squadra nella partecipazione agli eventi della città dedicati alla lettura, in primis BookCity.

Quelle avviate dalle biblioteche di condominio sono azioni generative e rigenerative, che vivono di una dimensione non competitiva, ma cooperativa, capaci di avviare politiche di servizio diffuse e interdisciplinari come buona abitudine sociale.

Mettere al centro le persone e la loro relazione di vicinanza, valorizzare il tempo come opportunità di crescita e formazione, prendersi cura della dimensione “domestica” dell’educazione e della lettura sono idee che si accordano con la prospettiva della “città a 15 minuti” e sono dunque anche le basi per proporre un modo più “lento” e forse più accessibile di avvicinare la cultura e il sapere e – perché no? – anche una via per rilanciare luoghi che spesso hanno addosso uno stigma negativo o “impopolare” come gli alloggi di edilizia residenziale pubblica.

La riprova sta nel fatto che neppure la fase del lockdown ha indebolito la forza di questo percorso, che infatti si è mantenuto vivo e vivace per tutti i mesi passati e, anzi, ha rappresentato un importante presidio di socialità e relazione, anche nei momenti di forte isolamento, dando prova della radicalità e della forza della proposta.

Questa esperienza ci insegna che quando l’Amministrazione sa leggere i bisogni e i sogni della città e sa porsi come facilitatore per la loro realizzazione, nascono proprio belle esperienze!

Partecipando all’inaugurazione della Biblioteca di condominio “Falcone Borsellino”, 13 febbraio 2020

Se vuoi rimanere sempre informato sulle mie attività, iscriviti alla mia mailing list!