6 settembre 2019 


Come sappiamo, da luglio – quando è stato fatto un rimpasto in giunta a seguito dell’elezione in Europa dell’assessore Majorino – il sindaco Sala ha avocato a sé la delega all’Ambiente e alla Transizione ambientale: «Non diremo no a tutto in nome dell’ambiente. Il nostro sarà un ambientalismo propositivo, che vede nelle sfide – dal cambiamento climatico al risparmio energetico, dalla raccolta differenziata dei rifiuti alla mobilità sostenibile – delle opportunità per crescere, innovare e migliorare, a favore della città, dei cittadini e del Pianeta», così aveva dichiarato, avendo in mente di fare della città un laboratorio di sperimentazione e modello sui temi ambientali, dall’ecologia alla sostenibilità, una metropoli «in grado di fare fronte comune con le più importanti e grandi città del mondo».

Dalle parole ai fatti, Beppe Sala ha deciso di partire dai più piccoli e con l’inizio dell’anno scolastico regalerà a tutti gli studenti delle elementari e delle medie una borraccia di alluminio, grazie al contributo delle partecipate del Comune: MM fornirà 60 mila borracce per le scuole elementari e A2A ne fornirà 40 mila per le medie; la consegna verrà effettuata tramite Milano Ristorazione anche alle scuole paritarie. 

Il gesto è in linea con la lotta alla plastica monouso e con l’invito a bere più frequentemente “l’acqua del sindaco”, un’acqua buona e controllata, distribuita gratuitamente nelle “case dell’acqua”: «Il messaggio che vogliamo dare è che con buone pratiche come questa si può arrivare ad abolire i distributori automatici che hanno solo confezioni di plastica per le bevande. E poi, serve anche per dire che l’acqua del sindaco è buona, e le borracce si possono riempire anche così».

L’idea delle borracce, in realtà, era partita nello scorso anno scolastico nel Municipio 1, dove a seguito di un progetto del “Consiglio di Municipio dei ragazzi e delle ragazze” sul tema dell’acqua pubblica, era stata donata ad oltre 1.200 studenti una borraccia proprio nei pressi della casa dell’acqua dei Giardini pubblici per sensibilizzare, appunto, sulla riduzione della plastica monouso.

Il passo successivo sarà coinvolgere il mondo dell’impresa e del commercio, per studiare con aziende e negozi altri possibili interventi per avviare azioni concrete mirate a ridurre il consumo di plastica e a migliorare la qualità ambientale.

Suggerimenti su come usare la borraccia